FILASTROCCHE PER IMPARARE E PER RIDERE

L’esigenza di comunicare ma soprattutto di insegnare ai bambini elementi elementari della vita sociale veniva posta in essere attraverso il sistema delle filastrocche che avevano il pregio di essere orecchiabili e facilmente memorizzabili.

Era soprattutto, in un mondo privo della televisione e delle play station, un modo per comunicare ai ragazzi quell’affetto e quella vicinanza che i genitori,…

View On WordPress

Spina d’aloe on Flickr.Sono sicuro di non avere sentimenti ostili verso il genere umano…. ma troppo spesso mi ritrovo a fotografare questa spina sulla scogliera di Le Castella… Devo stare attento e non fidarmi più del mio ottimismo relativamente alle mie capacità razionali!

Spina d’aloe on Flickr.

Sono sicuro di non avere sentimenti ostili verso il genere umano…. ma troppo spesso mi ritrovo a fotografare questa spina sulla scogliera di Le Castella… Devo stare attento e non fidarmi più del mio ottimismo relativamente alle mie capacità razionali!

Luna Rossa on Flickr.vaco 
distrattamente 
abbandunato 
l’uocchie 
sotto ‘o cappiello 
annascunnute 
mane 
‘int’a sacca 
e bavero alzato 
vaco 
fiscann’a e stelle 
ca so’ asciute 
e ‘a luna rossa me parla ‘e te 
io le domando si aspiette a me 
e me risponne si ‘o vvuo’ sape’ 
cca’ nun ce sta nisciuna 
e io chiammo ‘o nomme pe’ te vede’ 
ma tutt’a gente ca parla ‘e te 
risponne e’ tarde che vvuo’ sape 
cca’ nun ce sta nisciuna 
luna rossa 
chi me sarra’ 
sincera 
luna rossa 
se n’e’ ghiuta 
ll’ata sera senza me vede’ 
e io dico ancora ca aspetta a me 
fore ‘o balcone stanotte ‘e ttre 
e prega ‘e sante pe’ me vede’ 
ma nun ce sta nisciuna 
e io chiammo ‘o nomme pe te vede 
ma tutt’a gente ca parle ‘e te 
risponne e’ tarde che vvuo’ sape’ 
cca’ nun ce sta nisciuna 
e ‘a luna rossa me parla ‘e te 
io le domando si aspiette a me 
e me risponne si ‘o vvuo’ sape’ 
cca’ nun ce sta nisciuna 
cca’ nun ce sta 
nisciuna

Luna Rossa on Flickr.

vaco
distrattamente
abbandunato
l’uocchie
sotto ‘o cappiello
annascunnute
mane
‘int’a sacca
e bavero alzato
vaco
fiscann’a e stelle
ca so’ asciute
e ‘a luna rossa me parla ‘e te
io le domando si aspiette a me
e me risponne si ‘o vvuo’ sape’
cca’ nun ce sta nisciuna
e io chiammo ‘o nomme pe’ te vede’
ma tutt’a gente ca parla ‘e te
risponne e’ tarde che vvuo’ sape
cca’ nun ce sta nisciuna
luna rossa
chi me sarra’
sincera
luna rossa
se n’e’ ghiuta
ll’ata sera senza me vede’
e io dico ancora ca aspetta a me
fore ‘o balcone stanotte ‘e ttre
e prega ‘e sante pe’ me vede’
ma nun ce sta nisciuna
e io chiammo ‘o nomme pe te vede
ma tutt’a gente ca parle ‘e te
risponne e’ tarde che vvuo’ sape’
cca’ nun ce sta nisciuna
e ‘a luna rossa me parla ‘e te
io le domando si aspiette a me
e me risponne si ‘o vvuo’ sape’
cca’ nun ce sta nisciuna
cca’ nun ce sta
nisciuna

Taranta on Flickr.Come fai a rimanere fermo  e freddo quando le note della Taranta ti entrano nelle orecchie e si propagano a ogni più piccola diramazione nervosa del tuo corpo, trascinandoti in un vortice inspiegabile che ti risucchia quel poco di razionalità che ancora ti rimane, lasciandoti in balia di un ritmo ancestrale che di fisico ha soltanto il sudore. Ecco era questo che volevo che la mia reflex riuscisse a riprendere… e ancora una volta ha risposto a dovere esaudendo il mio desiderio… Ho il vago sospetto che la mia Canon abbia un’anima!

Taranta on Flickr.

Come fai a rimanere fermo e freddo quando le note della Taranta ti entrano nelle orecchie e si propagano a ogni più piccola diramazione nervosa del tuo corpo, trascinandoti in un vortice inspiegabile che ti risucchia quel poco di razionalità che ancora ti rimane, lasciandoti in balia di un ritmo ancestrale che di fisico ha soltanto il sudore. Ecco era questo che volevo che la mia reflex riuscisse a riprendere… e ancora una volta ha risposto a dovere esaudendo il mio desiderio… Ho il vago sospetto che la mia Canon abbia un’anima!

… e qualcosa rimane… on Flickr.… e qualcosa rimane… sui tavoli improvvisati di un antiquario che forse è solo il tentativo di nobilitare con il linguaggio l’antica sapienza del rigattiere… a rinnovare il fascino del tempo che fu e i cui fasti sono invece soltanto consolazione della nostra memoria…

… e qualcosa rimane… on Flickr.

… e qualcosa rimane… sui tavoli improvvisati di un antiquario che forse è solo il tentativo di nobilitare con il linguaggio l’antica sapienza del rigattiere… a rinnovare il fascino del tempo che fu e i cui fasti sono invece soltanto consolazione della nostra memoria…

Il nonno on Flickr.Era un angolo della fiera con tante cose senza un valore di mercato nel senso capitalistico del termine… e proprio per questo, forse, l’unico posto con oggetti di valore in tutta la fiera. 
Oggetti superstiti di un tempo in cui le mani avevano ancora il predominio sulle macchine e i difetti diventavano caratteristiche di distinzione e non termine di valutazione di mercato.
Sarei rimasto una giornata intera a comporre e scomporre quegli oggetti in scenografie presenti nella  memoria,  ripescate nel serbatoio dei ricordi e affioranti in una dimensione senza spazio e senza tempo.
Il fascino di un tempo che non ritorna ma che si mostra sotto forma di visioni e che spero sempre di riprodurre con la fotografia…

Il nonno on Flickr.

Era un angolo della fiera con tante cose senza un valore di mercato nel senso capitalistico del termine… e proprio per questo, forse, l’unico posto con oggetti di valore in tutta la fiera.
Oggetti superstiti di un tempo in cui le mani avevano ancora il predominio sulle macchine e i difetti diventavano caratteristiche di distinzione e non termine di valutazione di mercato.
Sarei rimasto una giornata intera a comporre e scomporre quegli oggetti in scenografie presenti nella memoria, ripescate nel serbatoio dei ricordi e affioranti in una dimensione senza spazio e senza tempo.
Il fascino di un tempo che non ritorna ma che si mostra sotto forma di visioni e che spero sempre di riprodurre con la fotografia…

Next Page